Tendenze moda 2014

In un periodo di crisi tutti gli stilisti sembrano d’accordo, la parola d’ordine è “OSARE”, e mettono sul Red Carpet la moda come in una galleria d’arte. Nelle sfilate abbiamo visto prendere ispirazione dai quadri famosi di paesaggi, dalla mitologia Greca, dai grandi pittori espressionisti e dai grandi artisti giapponesi.

Ma come ogni estate, ormai da quasi 30 anni, i temi fondamentali sono sempre gli stessi,  rigenerati e rivisitati in tutti i loro aspetti, ma riconducibili sempre a loro: la marina, l’Africa con tutte le sfumature del camouflage, i tropici (con i fiori di ibiscus), e gli anni 60. In questo quadro generale, la tendenza che trovo più carina e fresca è senza ombra di dubbio il tema BB. Vediamo deliziose Brigitte Bardot, con capelli cotonati, con evidenziato eye liner con fasce colorate a trattenere i capelli e con zoccoletti sfiziosi.

Torna prorompente e provocante il nude look, quel vedo e non vedo che rende attraente e allo stesso tempo provocante, quel far intendere che traspare ma senza essersene accorti! Che sia la spiaggia di St.Tropez o Portofino, il mood di rigore sono gli abitini ad “A” (forma a trapezio per essere più espliciti) in tonalità sorbetto.

Tailleur con minigonna, in tutte le loro varianti e colori pastello, si impasta prepotentemente con inserti all’uncinetto e incrostazioni di cristalli swarosky e perle. E… tanti fiori… in tutte le maniere, sia stampati, sia applicati, su abiti, borse e sandali.

Di gran ritorno i pantaloni “Capri”, alla caviglia, abbinati alle magliette a vita attillate, non possono mancare gli occhiali da sole vintage, ballerine e decolté appuntite con piccolo tacco.

Gli accessori sono tutti colorati e con fiori applicati, i bracciali vengono portati in misura esagerata e possibilmente tutti in tono sfumato e degradato, e tanti cappelli flosci in cotone con tesa a coprire gli occhiali.


I colori moda P/E 2014 sembrano prendere spunto dai famosi dolcetti Maccarones, il colore di punta è il glicine tendente al rosa, per intenderci il nostro consueto ed intramontabile “lilla”, e segue il rosa pallido, il beige ed il basico bianco.

(Patrizia Giacotti)