ITALIA: RECEPITE LE REGOLE EUROPEE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI FISCALI

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 68 del 17 marzo il decreto legislativo n. 29 del 4 marzo 2014, con cui lo Stato italiano ha recepito la direttiva 2011/16/UE relativa alla cooperazione amministrativa nel settore fiscale.

Il decreto recepisce le norme e le procedure relative allo scambio, con le altre autorità competenti degli Stati membri, delle informazioni “rilevanti” per l’amministrazione interessata e per l’applicazione delle norme interne.

Le disposizioni del decreto legislativo si applicano alle imposte di qualsiasi tipo, riscosse da o per conto dell’amministrazione finanziaria e delle ripartizioni territoriali, comprese le autorità locali.

Le nuove procedure non si applicano:

a) ai contributi previdenziali obbligatori dovuti ad uno Stato membro o ad una ripartizione dello stesso o ad organismi di previdenza sociale di diritto pubblico;

b) all’IVA, ai dazi doganali o alle accise;


c) ai diritti dovuti per certificati e altri documenti rilasciati da pubbliche autorità;

d) alle tasse di natura contrattuale, quale corrispettivo per pubblici servizi.

Il decreto fa salva l’applicazione delle norme di assistenza giudiziaria in materia penale, e non pregiudica gli obblighi dello Stato membro ad una cooperazione amministrativa più ampia, risultante da accordi bilaterali e multilaterali.

(Avv. Michele Paolo Cicconi)