Torna Baywatch in Arona!

Le spiagge di Arona finalmente hanno bagnini ufficialmente assunti, dopo due anni che questo servizio è stato gestito da precari, lavoratori che sono rimasti in sciopero per circa due anni per il mancato contratto regolare, e quindi senza “Seguridad Social” dall’agosto 2012, e senza salari. In totale ora ci saranno sei bagnini ufficiali, ma a tempo determinato, incaricati di garantire la sicurezza delle spiagge. Saranno due a Las Vistas, più uno nella torretta centrale, uno nella spiaggia di Los Cristianos, un altro a El Camison, più un coordinatore. Il Consigliere del Medio Ambiente di Arona e principale responsabile di questo contratto, Antonio Sosa, ha affermato che “è stata scelta questa misura di emergenza perché le spiagge non potevano continuare più a lungo in questa situazione”. La postazione di Las Vistas servirà come una sorta di quartier generale della polizia locale nella zona costiera, e punto di riferimento per ogni intervento di emergenza tra i bagnini. Il Comune ha stipulato un contratto di assunzione temporanea con una società per il costo di circa 320 euro al giorno. Non si sa esattamente fino a quando queste persone lavoreranno come bagnini, in quanto anche se il bando di gara per un nuovo contratto è già stato lanciato, non si sa assolutamente nulla di quando verrà aggiudicato. La situazione precaria degli operatori del soccorso è stata uno dei più gravi problemi che hanno afflitto l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Francisco Niño, che ha lasciato passare due anni senza essere in grado di dare una soluzione al conflitto. I bagnini precedenti, ora disoccupati, hanno messo in scena diverse manifestazioni, continuando, almeno la maggior parte, il lavoro, ed hanno anche chiesto soldi sul lungomare ai turisti come offerte spontanee per l’opera prestata gratuitamente.