Sinistra contro gli investimenti aeroportuali

reina-sofia-airport-2La coalizione dei partiti di sinistra crede che le Canarie non abbiano bisogno di nuove piste nei loro aeroporti, e che la costruzione di infrastrutture chiaramente molto costose e non necessarie sia frutto dello strapotere di alcuni imprenditori nel settore delle costruzioni e della scarsa qualità della democrazia sulle isole. L’arcipelago non ha bisogno di nuovi aeroporti, perché, secondo i dati che sono stati forniti dal governo centrale, l’aeroporto che più utilizza la sua capacità è l’aeroporto di Gran Canaria, con una occupazione del 40.37% nel 2013. Questi dati dimostrano che, con la sua pista attuale, l’aeroporto di Gran Canaria è pronto a muoversi fino a 26 milioni di passeggeri l’anno, ben al di sopra dei 9,7 milioni che hanno usato i suoi servizi nel 2013.

Nel contempo, l’aeroporto di Tenerife Sud, l’altro gigante per volume di passeggeri, utilizza solo il 25,82% della sua capacità, mentre si stima che sia pronto a gestire un traffico di 33 milioni di passeggeri all’anno, quattro volte quello del 2013: 8,7 milioni. Per quanto riguarda il resto degli aeroporti delle isole Canarie, Tenerife Nord sfrutta il 32.15% della sua capacità, Lanzarote il 39.37%, quello di La Palma il 19.62%, quello di La Gomera il 6,48%, quello di Fuerteventura il 31.58%, e quello di El Hierro il 22.25%.

(dalla Redazione)