La Palma: arrivano da mezzo mondo e pagano 1.500 euro

pag16 telescope_sunset_2001Americani, malesi, iraniani… biglietti prepagati e “retta” di 1500 euro per la partecipazione ad un corso con tre fotografi di fama e un cielo unico,  25 posti che si sono esauriti in 17 giorni.

I cieli di La Palma sono senza dubbio unici, ma a volte sorprende il potere che hanno di attirare i visitatori. La Pubblica Amministrazione è stata in grado di costruire le strutture necessarie per consolidare il prodotto delle stelle (Centro Visitatori del complesso di Roque de los Muchachos o il complesso dell’Astronomia Amatoriale di Mendo), ma le iniziative private superano di gran lunga tutte le organizzazioni comunali o simili, scoprendo, tra l’altro con poco sforzo, risorse notturne non sfruttate.

Ne è un esempio l’evento AstroMaster di La Palma, organizzato da una società privata, AstroLaPalma, un corso internazionale di fotografia avanzata che copre vari aspetti, quali l’elaborazione delle immagini, le tecniche e l’astrofotografia dei paesaggi notturni. La responsabile dell’evento, che è alla seconda edizione, ha contattato e ingaggiato tre fotografi di fama mondiale, Barak Tafreshi, Christoph Malin e Gunther Wegner, e ha pubblicizzato l’iniziativa in diverse reti sociali. AstroMaster si è svolto dal 20 al 27 maggio scorso, ha visto la partecipazione di 25 persone, iscrittesi appena uscito il programma, tanto da progettare di farne un’altra edizione in settembre prossimo, visto l’esubero di iscrizioni già fin da ora. Ogni partecipante paga ovviamente a parte il viaggio e l’alloggio e l’equipaggiamento fotografico da impiegare. Gli iscritti sono arrivati da mezzo mondo, sicuramente attratti dai famosi nomi dei professori, che insegnano anche in altre località mondiali, ma qui, a La Palma, c’è il CIELO che è unico e spettacolare, nel quale le stelle e le costellazioni lasciano senza fiato, quindi un contesto incredibile per partecipare ad un corso di fotografia soprattutto notturno. Questi corsi non saranno mai eventi di massa, non si terranno mai con 100 persone, ma saranno sempre esclusivi, e con pochi partecipanti. La stessa società AstroMaster si dedica anche ad escursioni notturne, con turisti appassionati e possessori di telescopi amatoriali, con salite fino al Roque in notturna. Bella l’idea di commercializzare il turismo “stellare”.

(Bianca Leonardi)