Condividere l’auto, un rimedio contro la crisi?

pag07carsharing_0000000653Alcuni lo fanno per ideologia e altri per risparmiare un po’, sperando di fare nuove amicizie e vivere esperienze diverse. Le ragioni sono diverse, ma il risultato è lo stesso: il carpooling con gli sconosciuti è sempre più comune in tutta Europa, comprese le isole Canarie. Questa idea, nota come ride-sharing, è nata in Germania nel dopoguerra a causa della carenza di mezzi e risorse finanziarie. I tempi sono diversi, ma c’è un denominatore comune: anche oggi siamo immersi in una grave crisi per la quale il mantenere un veicolo può essere un lusso a disposizione di pochi. Nelle Isole Canarie, dove l’Istituto di Statistica delle Canarie (ISTAC) ha registrato  che tra le 801.779 famiglie residenti, circa 614.941 (76,70%) hanno un veicolo, e tra queste circa 184.900 hanno due auto e 65.671 ne hanno tre o più, mentre 188.838 non hanno la possibilità di sostenere questo “grande investimento”. In tutto il territorio dell’arcipelago, territorio molto frammentato, vivono circa 2,1 milioni di persone e sono presenti almeno 913.183 vetture. BlaBlaCar è la piattaforma più diffusa nelle isole che unisce conducenti e passeggeri appunto nel carpooling: è sbarcata nelle isole già nel 2010, un anno esatto dopo essere stata fondata in Francia. Nel periodo pasquale per esempio, sono stati registrati e conclusi solo in Tenerife 64 tragitti giornalieri da e per Santa Cruz. I dati riportati dicono che solo in Tenerife ci sia un 20,94% di persone che non posseggono macchina propria. Questa piattaforma, gratuitamente, facilita la comunicazione e gli accordi tra chi ha la vettura e vuole condividerla, con chi invece non la possiede. (Però sembra che entro l’anno la BlaBlaCar darà i suoi servizi a pagamento, come già succede in altri paesi europei). Per il momento il prezzo del tragitto lo decide il conduttore, si divide la benzina, la formula migliore di risparmi è essere almeno tre persone nella stessa auto. Gran Canaria e La Gomera sono le due isole che percentualmente hanno meno famiglie con veicolo proprio, stranamente Lanzarote e El Hierro sono quelle che hanno percentuale più alta di famiglie con autovettura (questo dato dovuto sicuramente alla minor densità di popolazione nelle due isole).

(Jose Manuel Soriel)