pag12_La Ensillada-Chamorga foto Gara Hernández PérezPossiamo andare da La Laguna fino a Las Mercedes, o da San Andrés per El Bailadero fino alla TF-12. Noi seguiamo l’indicazione per Chamorga per la TF-123 fino a La Ensillada, che una volta era una zona di svago, e si trova a destra della strada. A sinistra si trova il sentiero.

S’inizia a camminare attraversando il Monte de Las Chamuscadas, finché non s’incontra a sinistra un sentiero non segnalato. Questo ci porta al Mirador de Chinobre (910 m. di altitudine), dove potremo cogliere l’occasione di fare alcune fantastiche foto. Si torna a scendere fino a trovare più avanti una grossa roccia chiamata Piedra Jurada. Continueremo poi fino al Roque Anambro (815 m. di altitudine), dove si pratica l’arrampicata. Da lì si prosegue fino al Mirador de Cabeza del Tejo, dove finisce la pista forestale. Da qui possiamo vedere tutta la costa. Si continua per un sentiero sul lato del belvedere e si arriva ad un incrocio con dei cartelli molto arrugginiti:

– a sinistra ci porta al Draguillo.

– a destra a Chamorga.

– dritto si va alle case di Tafada.

Dobbiamo andare a Chamorga, ma prendiamo la direzione per le case di Tafada, e quando ci troveremo davanti a due edifici di pietra piuttosto fatiscenti saremo arrivati. Qui svoltiamo a destra per andare verso Chamorga. Se si continua invece dritti, lungo il sentiero che prosegue sopra le case, si va a finire al Faro di Anaga.


In 20 minuti vedremo le prime case, arrivando poi in piazza a Chamorga, dove c’è anche un bar.

Se andiamo in bus, va presa la linea 247 che porta a Chamorga, ma bisogna fermarsi al parco di La Ensillada.

Questo percorso è di circa 8-9 km. Il ritorno si può fare per la stessa strada, o prendendo un autobus a Chamorga. Dal belvedere di Cabeza del Tejo, possiamo raggiungere la strada asfaltata, dove troviamo un altro sentiero che sale a destra per il Lomo de las Chamuscadas e ci riporta al sentiero da cui era iniziata la camminata. Circa quindici minuti più tardi si arriva a sinistra alla Ensillada. Da Chamorga si può raggiungere il Roque Bermej,o prendendo il sentiero che attraversa il barranco.

Chamorga: questo piccolo borgo si trova a 550 m. di quota e ha quasi un centinaio di abitanti.

Piedra Jurada: vi si veniva a caricare il carbone vegetale. Qua c’è un percorso circolare che corre intorno alla roccia e c’è una leggenda: camminando intorno alla roccia, carichi di carbone e trattenendo il fiato, vedremo avverarsi un nostro desiderio.

Cabeza del Tejo: è la fine di una pista forestale che è stata adattata come belvedere.

Monte de las Chamuscadas: è stato chiamato così dopo che ha preso fuoco, ed è un monte relativamente nuovo.

Mirador de Chinobre: in questo belvedere si trova un endemismo, la Violeta de Anaga. Vive proprio solo in questo punto, per cui si deve essere molto rispettosi con l’ambiente. C’è un asse di legno che dice “Compañera del Alma, Compañera”, di cui non si capisce il significato. C’è anche un cartello di metallo in onore di Tomás Fuentes Tabares, che dice: “Vai con fiducia amico escursionista, l’anima di un viaggiatore che amava queste foreste ti guiderà attraverso di loro”.

Roque Anambro: una parete rocciosa formata da un camino vulcanico, che l’erosione di milioni di anni ha portato allo scoperto.

(dalla Redazione)