pag08_faberton_P1010412Nonostante le clamorose denunce sul nuovo campeggio totalmente gratuito formatosi nella migliore zona residenziale di Los Cristianos, il Consiglio di Arona ha ora risposto con la creazione di altri! Uno è nel bel mezzo della zona residenziale di Palm Mar e l’altro sul lungomare di Las Galletas, nel parcheggio dove prima era vietato parcheggiare camper. I residenti sono scesi in guerra per ovvi motivi, soprattutto perché non ci sono strutture previste per lo smaltimento dei rifiuti. Il Consiglio di Adeje ha un approccio totalmente diverso all’invasione dei camper nella costa sud di Tenerife. Ci sono cartelli che vietano ai camper lo stazionamento e queste zone vengono controllate, come, per esempio, per le strade di La Caleta. C’è un’area di parcheggio ai margini della zona, sulla costa, in cui i camper sono stipati come sardine in scatola, ma il sito sembra essere molto ben organizzato, molto pulito. Anche a Playa San Juan, sotto il comune di Guia de Isora, c’è il divieto per i camper di parcheggiare lungo le strade. Ci domandiamo perché invece a Los Cristianos e Palm Mar non ci sia un controllo quotidiano, quando polizia che gira per le strade ce n’è sempre molta, ma sembra solo per far multe e/o far portare via le auto con il carro attrezzi! Sembrerebbe che la maggior parte di questi camperisti provenga dal nord dell’isola, quindi residenti canari. Questi usano il loro camper per scappare dalla vita cittadina, e nel loro tempo libero “scendono” al sud, inventandosi campeggi selvaggi. I camperisti non consumano nei bar e ristoranti, cucinano tutto in loco e fanno la spesa direttamente sotto casa loro prima di partire, quindi c’è poco vantaggio per i locali del sud. Non c’è niente di sbagliato in questo, ma perché lo devono fare gratuitamente e perché lo devono fare a spese della nostra bella posizione e la nostra tranquillità?

(Martin Uvedo Queria)