pag09_dieta-per-disintossicarsi2Diciamo la verità, quasi nessuno in vacanza si attiene alla dieta alimentare che segue durante tutto l’anno, anzi, se c’è da gustare gastronomie sfiziose e piatti particolari, nessuno si tira indietro. Le belle e fresche serate d’estate inoltre, portano inevitabilmente a sorseggiare vari cocktail in compagnia degli amici, e tutto questo influisce un po’ sul nostro organismo, che accumula una serie di tossine che, anche non essendo eccessivamente dannose, debbono essere eliminate appena dopo il ritorno a casa. La parola d’ordine non è attuare una dieta, ma semplicemente depurare l’organismo, e questo possiamo farlo attraverso la diuresi. In pratica, bevendo molto e alimentandoci con dosi discrete di frutta e verdura, il nostro organismo tende ad eliminare le scorie accumulate durante le ferie. Non occorre iniziare nessuna dieta particolare, è importante solamente rinunciare a pranzetti con pietanze troppo condite ed elaborate, ed optare per pasti leggerissimi con l’assunzione di tanta tanta frutta e verdura di stagione. pag09_come-depurarsi-e-sgonfiarsi_5bb8430672cbc6d214b8a8284d35a97eQuello strano gonfiore che assume la nostra pancia infatti, non sempre è dovuto alla “ciccia” ma più che altro ad un ammasso di liquidi dovuti alle mangiate pantagrueliche e alle bevute non sempre sane. Le verdure depuranti sono il carciofo, la cicoria, il radicchio, l’indivia ed i cavoli. Queste verdure, oltre ad essere saporite, possono essere cucinate in diversi modi ma naturalmente è meglio preferire le crudità, perché, con la cottura, parte delle vitamine si disperde nell’acqua. Anche i carciofi, ottimi lessi, possono in alternativa essere consumati crudi sotto forma di insalata. Spuntate i carciofi, eliminate la peluria e tagliateli a fettine molto fini. Conditeli con un filo d’olio e con del succo di limone. Salateli (poco) e gustateli, sono una vera delizia per il palato! Alimenti come il cavolo e la cicoria, che invece risulterebbero poco gradevoli se consumati crudi, possono essere cotti a vapore e conditi con olio, aceto ed un pizzico di sale. A tal proposito, usiamo con moderazione il sale che purtroppo favorisce la ritenzione idrica ed impedisce di depurarsi. Ed ora veniamo alla frutta, che è fondamentale perché, oltre a depurare in maniera ineccepibile, dona il giusto quantitativo di vitamine necessarie all’organismo. Tutta la frutta di stagione è ottima e rinfrescante, ma cerchiamo di preferire quella più ricca di vitamina C come i kiwi, la papaia e gli agrumi. Bene i frullati, da gustare a colazione con cereali integrali ricchi di fibre che aiutano il transito intestinale. Depurando l’organismo in modo così semplice e naturale, si aiutano molto il fegato ed i reni.

(Bianca Leonardi)