L’incantevole villaggio di San Andres (La Palma)

pag20_San-Andres-y-SaucesUno dei segreti meglio custoditi di La Palma, forse più per i locali che per gli stranieri, è senza dubbio la Villa de San Andrés, nel comune di San Andrés y Sauces. Non è raro sentire commenti del tipo “ci siamo fermati a San Andrés, andando in direzione di Puerto Espíndola, e sono rimasto sorpreso per quanto è bello” oppure “non avevo idea che San Andrés potesse essere così bello”. Per qualcuno è stata una rivelazione, essendoci passato per caso, facendo una deviazione dalla strada principale perché magari qualcuno del gruppo si era ricordato che così si arrivava alla distilleria di Ron Aldea, a Puerto Espíndola. Situato nel nord-est dell’isola, e prossimo ad essere dichiarato Bene di interesse culturale, San Andrés è stato uno dei centri più fiorenti dell’isola, dopo Santa Cruz de La Palma, la capitale, nel corso dei secoli XVI e XVII, grazie soprattutto alla produzione di canna da zucchero. Attualmente, questo tipo di coltivazione è praticamente scomparso ed è stato sostituito da decine di ettari di piantagioni di banane. Il turismo è diventato poi uno dei motori economici di questa città. Se si decide di scoprire questo incantevole angolo di La Palma, non perdete l’occasione di visitare la sua chiesa, che è già stata dichiarata di interesse culturale, e ammirare il suo splendido interno, che merita particolarmente in quanto è uno dei templi meglio conservati dell’isola. Per coloro che preferiscono optare per la cucina locale, in piazza c’è un locale dove potrete gustare pesce fresco e un ottimo barraquito (da ordinare completo di tutto, compreso il Liquore 43, la cannella e la scorza di limone). L’escursione a San Andrés può essere combinata con una passeggiata lungo il Sendero del Cubo de la Galga, un bagno nella spiaggia di Puerto Espíndola o nelle piscine naturali del Charco Azul, e con una degustazione di alcune delle varietà di rum che produce Destilerías Aldea, che ha recentemente festeggiato il suo 75° anniversario. Molto vicino ci sono anche il Bosque de Los Tilos e la ruta de Los Nacientes de Marcos y Cordero, una passeggiata che non vi potrà deludere.

(dalla Redazione)