pag16_Puerto_de_moganCon oltre 1500 chilometri di costa, le “isole fortunate” hanno degli angoli nascosti che è obbligatorio visitare. Lungo il litorale, per secoli, la pesca non solo è stata una delle attività chiave, ma ha anche dato una sua impronta al paesaggio urbano sulla costa. Molte località conservano ancora struttura, architettura e il sapore tradizionale dei vecchi villaggi di pescatori, mentre altri luoghi si sono evoluti combinando tradizione e modernità. Ecco alcuni dei posti che non potete escludere dai vostri programmi turistici:


Isola di Gran Canaria

Puerto de Mogán

Puerto de Mogán è una cittadina sulla costa che, per il suo ambiente unico e la bellezza naturale, va considerata una delle località più affascinanti dell’isola, ed è proprio il luogo ideale per i visitatori in cerca di un posto tranquillo per guardare il tramonto dopo una giornata di spiaggia. Puerto de Mogán è uno dei luoghi più pittoreschi del sud di Gran Canaria, un luogo perfetto per un drink sotto le case colorate che si allineano lungo il molo. Le finestre sono adornate con bouganville e hibiscus e le persone si dividono sulle terrazze di caffè e ristoranti sul viale. Vicino al molo inizia l’urbanizzazione su piccoli canali d’acqua che rendono assolutamente affascinante questo ex borgo di pescatori.


Puerto de las Nieves

Il Porto di Las Nieves è la zona costiera di Agaete. Qui c’è un Eremo con il trittico della Madonna de las Nieves, quest’ultimo attribuito a Joos Van Cleve, pittore fiammingo del XVI secolo. Nel Porto di Las Nieves, l’attrazione era il Roque Partido o Dedo de Dios, a forma di un dito puntato al cielo, un luogo simbolo per i canari, ma purtroppo nel 2005 la tormenta tropicale Delta ne ha causato il crollo, lasciando in piedi solo la parte di roccia sottostante. La Playa de Las Nieves, acque calme e buona atmosfera marina, è piena di ristoranti che offrono il meglio della gastronomia locale, e un pittoresco lungomare. Da qui partono i Ferry della Fred Olsen per Tenerife e le altre isole.

Isola di La Graciosa

Caleta de Sebo

Un insieme di case bianche e strade di sabbia è l’immagine che offre la “capitale” dell’isola più orientale dell’Arcipelago delle Canarie (ogni tanto cercano anche di accreditarsi ufficialmente come l’ottava isola). La Graciosa si trova vicino a uno dei fondali più ricchi di pesce del mondo, e questo è la principale fonte di reddito per i suoi abitanti, ed è anche stato il motivo per cui è stata fondata Caleta de Sebo nella metà del XIX secolo.


pag16_caletaFamaraIsola di Lanzarote

Caleta Famara

La Caleta de Famara, affiancata dalla spettacolare scogliera con lo stesso nome, è una zona privilegiata per la pratica di sport come il surf o il deltaplano. La zona è costituita da una riserva naturale con un tranquillo villaggio di pescatori e numerosi ristoranti, supermercati e negozi di surf. Nel complesso, la bellezza e la grandezza di questo angolo dell’isola hanno un forte impatto sul visitatore.


Isola di Fuerteventura

Las Playitas

Questo villaggio di pescatori si trova tra l’aeroporto (Puerto del Rosario) e Jandía, al sud dell’isola, a soli 6 chilometri da Gran Tarajal. Il paesino di Las Playitas invita, in un primo momento, a esplorarlo a piedi. I visitatori potranno godersi i vicoli, e le scale che portano a splendidi belvedere, formati dai tetti delle case che offrono una splendida vista. Mentre l’atmosfera nella piccola spiaggia e nella strada principale invita anche a fare una passeggiata tra le piccole imbarcazioni sulla riva, i visitatori possono godersi il villaggio trovando sistemazione in alberghi che sono a pochi passi dalla spiaggia.


El Cotillo

El Cotillo, a prima vista sembra un paese come tanti, appannato e malconcio, ma con le case più surrealiste di Fuerteventura. E improvvisamente si resta colpiti dalla bellezza della sua costa. Vicino ai laghi di El Cotillo, ecco delle spiagge spettacolari con incavi che proteggono dal vento, e strane costruzioni difficili da definire. Il luogo lo rendono poi incantevole gli abitanti.

pag16_Playa las Teresitas 3Isola di Tenerife

San Andrés

E’ un vivace borgo di pescatori del comune di Santa Cruz de Tenerife, (da cui dista sette chilometri), che ha mantenuto le sue caratteristiche di paese. Nelle sue strade si allineano case di struttura semplice e stile marittimo. Fondato alla fine del XV secolo, è uno dei centri popolati più antichi di Tenerife, e nel XIX secolo era un comune indipendente. Questo lo rende uno dei borghi più significativi della capitale, incerto fra l’apparire paesino di pescatori o borgo rurale, anche se prevale la prima caratteristica.


Garachico

E’ oggi uno dei più importanti centri storici delle isole Canarie. Il ricco patrimonio storico-artistico ereditato dal passato, e la particolare attenzione che è stata posta nella sua conservazione, gli è valso il premio, nel 1980, della Medaglia d’Oro al Merito in Belle Arti. La gastronomia di Garachico è parte importante delle ricchezze gastronomiche delle Canarie. La sua posizione sulla costa e il suo porto hanno fatto sì che tradizionalmente sia un punto di riferimento per la degustazione di pesce e frutti di mare freschi.


pag16_gomera63016046Isola di La Gomera

La fascia costiera di Valle Gran Rey a La Gomera offre una serie di spiagge di sabbia nera adatte per il bagno, fra cui la spiaggia della Calera e quella della Puntilla sono le più grandi, e dove dicono si possa vedere il tramonto più bello di tutte le Isole Canarie. I suoi fondi costieri sono uno spettacolo unico per le immersioni.

(Giorgio Tonazzi)