El Granero

PAG05_GraneroOggi vi portiamo a mangiare in una piccola “tasca”, a conduzione familiare. Il locale è molto carino, affascina e rispecchia la mentalità del posto. Si trova a Buzanada, in calle Isla Margarita n. 13, leggermente nascosto dalla via principale, ma lo conoscono tutti e vi sapranno indicare la viuzza esatta. Apre solo per cena dalle 19 alle 23,  e non accettano prenotazioni, i proprietari, marito e moglie, ti accolgono come se fossi in una casa privata. Le decorazioni e l’ambiente sono rustiche, entrando troviamo subito i tavoli in legno vecchio, illuminati solo da una lampada che scende dal soffitto sopra ad ognuno. Le finestre in legno hanno tutte le tende a quadrettini che fanno molto rustico, in fondo alla sala c’è un piccolo rubinetto in ferro battuto con un calderone per l’acqua, molti quadri d’epoca alle pareti. Entrando nel locale si respira calma, quiete e tranquillità, pare che il tempo si sia fermato. Un tipico locale dove si fanno tapas, assaggini di vario genere serviti in piccole quantità, ma anche dei piatti veri e propri di cucina tipica canaria. Trattandosi di assaggi si possono provare diverse pietanze: gamberi all’aglio, frittatine di baccalà, formaggi fritti, tortillas, datteri con pancetta, crocchette di pesce, crostini di abadejo (una qualità di merluzzo). Iniziamo con una ricca portata di “pimientos de padrón”, con il giusto sale e aglio a lamelle, per continuare con dei “montaditos” di acciughe, di prosciutto e di formaggio. Le crocchette “casere” sono veramente ottime, assieme a del formaggio fritto con marmellata di mirtilli e funghi alla piastra, ed infine si passa ai secondi piatti, la “picata de solomillo” che sembra burro da quanto è tenera, e poi il piatto forte il baccalà con le patate americane, un connubio fra dolce e salato che lascerà di stucco anche i palati più fini e delicati. Si può scegliere fra un buon vinello della casa o fra bottiglie di vino tinto locale decisamente gradevole.

(Bina Binella)