pag21_reu_rtxqfbb_web_343699C’è chi pensa che la superstizione sia parte della natura umana, che sia per colmare un vuoto tra scienza e religione, tra ciò che è razionale e ciò che è irrazionale? Fatto sta che cartomanti, i maghi e le zingare che leggono la mano sono sempre esistiti e sempre lo saranno. Nonostante tutto però ci sono delle credenze popolari che sono entrate a far parte della cultura dei popoli, e che spesso avevano anche un filo logico.

Eccone alcune proprio carine.

Se la fede nuziale viene persa, per evitare che l’infelicità piombi sulla coppia, va riacquistata immediatamente un’altra vera. Se volete evitare la calvizie tagliate i capelli durante la luna nuova. Un capello sulla spalla preannuncia l’arrivo di una lettera. Se udite il canto di un cuculo, afferrate in fretta tutto ciò che in quel momento è ai vostri piedi e portatelo addosso per un po’ di tempo: vi porterà fortuna. E’ un segno di fortuna trovarne uno: va appeso in casa. Se le forbici cadono a terra, prima di raccoglierle, posateci il piede sopra per annullare il cattivo presagio. Se cadendo, una delle lame si conficca nel terreno, è presagio di morte. Portano invece buono se tenute appese al muro. Porta sfortuna uccidere un gabbiano. Se il gallo canta prima di mezzanotte preannuncia cattivo tempo. Versare dell’olio è segno di malaugurio: tanti secoli fa olio e sale erano materiale prezioso, e quindi rovesciarli e perderne era un danno economico e una perdita. E’ di malaugurio un quadro che cade. Un quadrifoglio porta fortuna e felicità. Vedere un ragno di sera è segno di bel tempo, ma porta sfortuna uccidere un ragno di notte o al mattino. Se una donna single passa sotto una scala aperta o appoggiata al muro non si sposerà. Se inciampa, invece, sui gradini di una scala, convolerà presto a nozze. Se si inciampa scendendo, è presagio di perdita di denaro. E’ segno infausto spazzare il pavimento prima dell’alba e dopo il tramonto. Negli orti dei Greci e dei Romani non mancava mai una pianta di sedano, aveva infatti la funzione di allontanare le potenze del male. Trovare una moneta porta fortuna: conservatela. Sono di felice augurio i soldi bucati. Rompere uno specchio preannuncia sette anni di guai. Se ricevete in regalo una spilla, un temperino o qualsiasi oggetto appuntito, pungete con essi il vostro donatore, oppure regalategli una simbolica monetina. Se vedete uno spillo per terra, raccoglietelo, la fortuna vi sorriderà per tutto il giorno. Non chinatevi però mai a raccogliere gli aghi, portano sfortuna. Vedere una stella cadente è di buon auspicio. Non gettate mai il guscio intero delle uova, ma spezzatelo per evitare che il demonio vi si annidi demonio. “Di Venere e di Marte, non ci si sposa e non si parte, né si dà principio all’arte” consiglia un proverbio.

(dal Web)