pag06_eolico12Il Consiglio Consultivo ha dato la sua approvazione al progetto di decreto per l’assegnazione di energia eolica nelle Canarie attraverso l’autorizzazione amministrativa, il che permette a chiunque presenti un progetto con tutte le garanzie di ottenere la potenza che vuole. Dopo l’approvazione, si aprirà una nuova fase nella concessione di energia eolica sulle isole, con un aumento significativo della diffusione delle energie rinnovabili, finora penalizzate dalla complessità delle procedure in vigore. Il portavoce del governo ha detto che l’obiettivo di questo nuovo decreto è promuovere l’energia eolica, che non solo produce un minore impatto ambientale, ma anche genera alla fine una minore dipendenza dall’esterno e favorisce la diversificazione in campo energetico, il tutto a costo zero, poiché la materia prima è il vento. Il nuovo regolamento semplifica le procedure amministrative, disciplinando le autorizzazioni necessarie per la realizzazione e la gestione di parchi eolici, per i progetti di ripotenziamento dei parchi esistenti o per modifiche sostanziali alle strutture già operanti. Il Governo prevede che con questo “sblocco” dell’energia eolica nelle Canarie si può passare dall’attuale 6% di fonti rinnovabili a un lusinghiero 20% entro un paio di anni. Parliamo di 442 megawatt finora impantanati a causa di controversie legali… Il regolamento stabilisce inoltre un regime transitorio per tutte le aziende che avevano partecipato alle gare, permettendo a coloro che avevano presentato i loro progetti senza ottenere risposta, o che avevano ottenuto la concessione per poi perderla a causa delle decisioni dei tribunali, di non dover fare nuovi progetti, purché la documentazione già presentata sia valida e richieda solo l’approvazione amministrativa.