Il Vescovo vieta i matrimoni sulle spiagge

pag27_matrimonio_spiaggia_civile_5Niente di nuovo in questo senso, perché la diocesi amministra il sacramento del matrimonio cattolico soltanto in luoghi sacri, e fuori di quei luoghi nessuna autorizzazione può essere concessa. Diverso è il caso dei cosiddetti matrimoni turistici, quelli che vengono celebrati da sacerdoti nei templi dell’Arcipelago, perché hanno il permesso del vescovo del paese di origine degli sposi e della diocesi della provincia dove avrà sede la cerimonia. Anche se non esistono dati ufficiali, sembra che attualmente si celebrino ogni anno più di venti matrimoni di questo tipo a Tenerife, più del doppio di cinque anni fa. Su altre isole, come Lanzarote e Fuerteventura, la domanda è cresciuta così tanto che anche il Vescovado delle Canarie nel 2016 metterà restrizioni su tali matrimoni, perché molte chiese sono letteralmente inondate di richieste.

(dalla Redazione)