Giurisprudenza e imposta beni immobili – IBI

chiavi-casa-800x500-cropGiurisprudenza e imposta beni immobili  – IBI

di Avvocato Civita Masone

Recentemente la Sala Civile del Tribunale Superiore ha fissato come dottrina giurisprudenziale che il venditore che paga l’IBI  potrà successivamente recuperarlo dal compratore, in caso di assenza di patto contrario, ed in proporzione al tempo in cui ognuna delle parti abbia avuto la titolarità del domicilio.

Così è stato stabilito dalla Corte con una sentenza che scaturisce dal contenzioso tra due società determinatosi  a seguito della vendita di 155 posti auto-garage nella città di Madrid.

La Corte ha condannato la parte compratrice a pagare l’IBI corrispondente al periodo dell’acquisto che va dal mese di marzo a quello di dicembre dell’anno in cui si è effettuata la compravendita.

Così come stabilito per legge, il pagamento annuale dell’IBI spetta al proprietario e coincide con il primo giorno dell’anno, per questo il Tribunale Supremo risolve che il pagamento  di questa imposta corrisponde alla parte venditrice in primis, ma con facoltà di richiedere il rimborso della parte che non spetta più a lei pagare dal momento della vendita, in quanto il compratore è il nuovo proprietario dal momento in cui si sottoscrive la compravendita e per questo non è necessario un  patto contrario per permettere al venditore di rivalersi degli importi che gli corrispondono.


Si stabilisce così una nuova dottrina giurisprudenziale circa l’applicazione dell’articolo 63.2 della Legge “Haciendas Locales”.